• BHC - Beauty human creative
  • CONDIVIDERE

    le Bellezze del nostro Pianeta

  • BHC

    VIDEO

    Beauty human creative

  • Fullscreen Slideshow

    IMAGES

    Your videos and images on the big stage

  • Your videos and images

    IMAGES

    Your videos and images on the big stage

 

Intro BHC

Intro www.creativ-o.it

Intro Aforismi

Intro BHC

Ambivalenza: la strana condizione di chi vuole e non vuole

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

di Annamaria Testa

Si chiama ambivalenza. È una condizione strana e destabilizzante. L’abbiamo provata tutti, magari senza sapere come chiamarla, o di che esattamente si tratta.

AMARE E NON AMARE. Odi et amo, scrive il poeta latino Catullo nel primo secolo avanti Cristo: Odio e amo. Forse chiederai come sia possibile / non so, ma è proprio così e mi tormento (sulle tormentate vicende amorose di Catullo qui c’è un articolo assai grazioso).
Te voglio bene e t’odio, nun te pozzo scurdà, canta Totò in Malafemmena. E ancora: Vorrei e non vorrei / Mi trema un poco il cor. /Felice, è ver, sarei / Ma può burlarmi ancor, gorgheggia Zerlina nel Don Giovanni.
L’ambivalenza fa parte della vita, e della comune esperienza emotiva e psichica dai tempi di Catullo. E ancora da prima, dai tempi di Anacreonte. Che nel quinto secolo avanti Cristo scrive amo e non amo, sono pazzo e non sono pazzo. E, ci scommetto, ancora da prima.

NON SOLO IN CAMPO AMOROSO. Il termine ambivalenza unisce due parole latine, ambi (entrambi) e valentia (forza), che bene danno conto del fenomeno: come sentirsi tirati da due forze contrapposte.
Si possono nutrire sentimenti ambivalenti non solo in campo amoroso: possiamo provare contemporaneamente paura e desiderio di tuffaci da un trampolino alto. O attrazione e avversione (specie se siamo a dieta) nei confronti di una fettona di torta farcita di crema e cioccolato.
Possiamo sentirci allettati e respinti da una nuova offerta di lavoro (o da un prospettiva di viaggio) che ci sembra tanto interessante quanto faticosa e piena di insidie. Possiamo nutrire sentimenti ambivalenti perfino per un partito politico. O verso l’idea di iscriverci a una palestra (uh, mi farebbe bene! Eh, la ginnastica è una noia mortale!)

COMPORTAMENTI IMPREVEDIBILI. Sta di fatto che, quando ci troviamo in una condizione di ambivalenza, i nostri comportamenti diventano meno prevedibili e più contraddittori. Per districarci, o almeno per provare a farlo, ci tocca cimentarci in un salto di ragionamento. Un lavoro di metacognizione, che significa pensare al modo in cui stiamo pensando. Magari fino ad arrivare a scrivere, su una scala da uno a dieci, quanto vale la nostra attrazione e quanto la nostra repulsione. Potremmo anche scoprire, se ripetiamo l’esercizio, che i valori fluttuano nel tempo, e molto rapidamente.

ATTRAZIONE E REPULSIONE. Ernest Hilgard, docente di psicologia e autore di un manuale su cui si sono formate almeno un paio di generazioni di psicologi in tutto il mondo (Italia compresa), offre una spiegazione illuminante del perché, in situazioni in cui sperimentiamo insieme attrazione e repulsione, il nostro comportamento diventa ondivago, imprevedibile e contraddittorio.
Succede, dice Hilgard, che quando ci troviamo di fronte a qualcosa che ci attrae e ci respinge, di solito esitiamo. Quando siamo lontani, le componenti attraenti possono sembrarci più forti, e dunque ci avviciniamo. Ma più siamo vicini, più le componenti respingenti diventano visibili e tornano a prevalere. Così ci allontaniamo di nuovo. Questo scomodo andirivieni può ripetersi molte e molte volte.

SITUAZIONI AMBIVALENTI. Infine: poiché spesso le cose non sono solo o bianche o nere, è facile trovarsi in situazioni che sono in sé ambivalenti per complessità e quantità di implicazioni. O perché mettono in gioco differenti ordini di valori. L’ambivalenza storica nei confronti degli immigrati è il grande paradosso americano, titola Time. Non è l’unico.
L’ambivalenza genera sempre ansia e incertezza. Proprio per questo, quando ci troviamo ad affrontare un grande tema controverso tendiamo, per esempio, a non prendere neanche in considerazione le argomentazioni di chi non la pensa come noi. Interpretiamo male i fatti, ragioniamo in maniera sbrigativa e in base a pregiudizi la cui fondatezza evitiamo di verificare. Insomma: facciamo di tutto per conquistarci una posizione certa e univoca, e pazienza se si tratta della posizione sbagliata.
Oppure rimuoviamo la questione. Il disagio da ambivalenza affligge in modo più acuto le persone decisioniste e quelle che sono in posizione di potere, che nell’incertezza si trovano più a disagio delle altre e dunque tendono a non agire.

CONSEGUENZE AMBIVALENTI. Ma l’ambivalenza ha anche un effetto protettivo. Per esempio, e a dirlo è una ricerca recente dell’università di Stanford, coltivare deliberatamente l’ambivalenza del confronti di un obiettivo che non siamo certi di raggiungere ci aiuta a consolarci più in fretta di un eventuale fallimento (“dai, forse l’ho scampata bella!”). Ma d’altra parte, in caso di successo sminuisce il valore del risultato ottenuto (“beh, chissà se ne vale davvero la pena”). Tutto ciò ci dice che perfino l’ambivalenza può avere conseguenze ambivalenti.

AMBIVALENZA E COMPRENSIONE. In realtà, le situazioni ambivalenti ci obbligano a compiere una ginnastica mentale mica male. E ci incoraggiano (se ne abbracciamo l’ambivalenza, invece che negarla) a sviluppare una più profonda comprensione della realtà, delle alternative possibili e di noi stessi. Per uscire dall’ambivalenza, poi, c’è una strategia interessante: dare ascolto al proprio corpo. Immedesimarsi il più profondamente possibile in una delle alternative, e poi nell’altra, e vedere come si sta. Poi, decidere di conseguenza.

L'articolo: LINK

StampaEmail

Aforismi

Possiamo comprenderci l'un l'altro, ma ognuno può interpretare soltanto sé stesso. (Hermann Hesse)

  • D.W.Winnicott

    D.W.Winnicott

    Un individuo CREATIVO è un individuo sano e libero, che non REAGISCE, ma AGISCE.

    Vivendo in modo creativo ci si rende conto del fatto che ogni cosa che facciamo aumenta il senso di essere vivi, di essere noi stessi, insostituibili e unici.

    La creatività è l'AZIONE che deriva dall'ESSERE, segno che colui che è, è vivo.Tuttavia, affinché l'individuo ESISTA, e la sua azione sia creativa, deve dominare in lui il fare IMPULSIVO su quello REATTIVO.

    Read more

  • Albert Einstein

    Albert Einstein

    Chiunque consideri la propria e l'altrui vita come priva di significato è non soltanto infelice ma appena degno di vivere.Non tutto ciò che può essere contato conta e non tutto ciò che conta può essere contato.

    Ci sono due modi di vivere la vita. Uno è pensare che niente è un miracolo. L'altro è pensare che ogni cosa è un miracolo.

    Un tavolo, una sedia, un cesto di frutta e un violino; di cos'altro necessita un uomo per essere felice?

    Cento volte al giorno ricordo a me stesso che la mia vita interiore e esteriore sono basate sulle fatiche di altri uomini, vivi e morti, e che io devo sforzarmi al massimo per dare nella stessa misura in cui ho ricevuto.

    Read more

  • Martin Luther King

    Martin Luther King

    Se un uomo non ha ancora scoperto qualcosa per cui morire non ha ancora iniziato a vivere.

    La vera misura di un uomo non si vede nei suoi momenti di comodità e convenienza bensì tutte quelle volte in cui affronta le controversie e le sfide.

    Alla fine, non ricorderemo le parole dei nostri nemici, ma i silenzi dei nostri amici.

    Nulla al mondo è più pericoloso che un'ignoranza sincera ed una stupidità coscienziosa.

    Abbiamo imparato a volare come gli uccelli, a nuotare come i pesci, ma non abbiamo imparato l'arte di vivere come fratelli.

    Read more

  • Mahatma Gandhi

    Mahatma Gandhi

     Prendi un sorriso, regalalo a chi non l'ha mai avuto. Prendi un raggio di sole, fallo volare là dove regna la notte. Scopri una sorgente, fa bagnare chi vive nel fango. Prendi una lacrima, posala sul volto di chi non ha pianto. Prendi il coraggio, mettilo nell'animo di chi non sa lottare. Scopri la vita, raccontala a chi non sa capirla. Prendi la speranza, e vivi nella sua luce. Prendi la bontà, e donala a chi non sa donare. Scopri l'amore, e fallo conoscere al mondo.

    Meglio avere un cuore senza parole

    Dio creò l’uomo perché si procurasse il cibo con il lavoro e disse che chi mangiava senza lavorare era una ladro. 

    Read more

  • Nelson Mandela

    Nelson Mandela

    Niente come tornare in un luogo rimasto immutato ci fa scoprire quanto siamo cambiati.

    Per gli uomini, la libertà nella propria terra è l'apice delle proprie aspirazioni.

    Più potente della paura per l'inumana vita della prigione è la rabbia per le terribili condizioni nelle quali il mio popolo è soggetto fuori dalle prigioni.

    Non c'è niente di più incoraggiante per un detenuto politico del sapere che la sua vita non è andata sprecata

    Unitevi! Mobilitatevi! Lottate! Tra l'incudine delle azioni di massa ed il martello della lotta armata dobbiamo annientare l'apartheid!

    Read more

Link

Creativ-o.it ...con il trattino!!

The book

Aforismi

Intro

Beauty Human Creative

Logo BHC 3 Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornati e in contatto.