• BHC - Beauty human creative
  • CONDIVIDERE

    le Bellezze del nostro Pianeta

  • BHC

    VIDEO

    Beauty human creative

  • Fullscreen Slideshow

    IMAGES

    Your videos and images on the big stage

  • Your videos and images

    IMAGES

    Your videos and images on the big stage

 

Intro BHC

Intro www.creativ-o.it

Intro Aforismi

Intro BHC

Lo sposalizio dell'albero

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

FESTA POPOLARE


Lo sposalizio dell'albero è una tradizionale festa popolare, originatasi da un rituale di diritto medioevale, che si celebra ogni anno, l'8 maggio a Vetralla nella campagna viterbese.

8 maggioSembra che il suo inizio risalga al 1368, quando i vetrallesi iniziarono a celebrare nell'eremo la festa di San Michele Arcangelo, poi trasformatasi in "sposalizio dell'albero". Nel bel mezzo del bosco di Monte Fogliano, all'altezza della Chiesa di Sant'Angelo, due alberi (un antico cerro ed una giovane quercia) vengono vestiti da sposi, velo compreso, e circondati di primule e ginestre. Nel giorno della festa tutte le autorità civili e militari del paese si riuniscono insieme ad una nutrita folla nella chiesa dell'Eremo dove viene effettuata la cerimonia che celebra, appunto, lo sposalizio fra i due alberi.

È una cerimonia nuziale in piena regola, che aveva lo scopo di riaffermare pubblicamente e solennemente il diritto di origine medioevale di proprietà dei vetrallesi sulla selva del Monte Fogliano e sull'eremo, infatti al termine di questa le autorità presenti rogano un atto, firmato da testimoni vetrallesi e forestieri, che sancisce il possesso dei vetrallesi sull'area [1]. Nel caso in cui non venga celebrato questo sposalizio, questo diritto passerebbe nelle mani del Comune di Viterbo.

In origine la cerimonia avveniva in plateola ante Ecclesia Eremi, dove i Priori abbigliati coi loro paludamenti priorali, circondati da gruppi di armigeri e di popolani, mentre i castaldi recavano a loro come omaggio, fasci di erbe ed arboscelli infiorati. Secondo il ricordo di Scriattoli nella seconda metà del secolo XIX la cerimonia, seguendo nome fissate nel 1744, iniziava nelle prime ore del mattino con un corteo partente dalla piazza del Comune del Gonfaloniere con gli Anziani e il Governatore, tutti al mezzo trotto sui loro cavalli, preceduti dal suono delle trombe dai donzelli del municipio indossanti caratteristiche uniformi in polpe e feluca; numerosi abitanti si univano al corteo cavalcando asini e cavalli, tra cui i ragazzi che per l'occasione non andavano a scuola. Il corteo attraversava il bosco giungendo al Ritiro dei frati dove il Magistrato entrava in pompa nella Chiesa, vi si celebrava la messa, al termine della quale visitava il convento e quindi si portava fuori dal recinto religioso ai piedi di uno dei cerri secolari, dove inghirlandato nel tronco di fiori di ginestra e di centauree e incoronato di festoni fioriti, era preparato un tavolo sul quale il segretario redigeva l'atto. Il Gonfaloniere strappava qualche ramoscello degli alberi vicini e raccoglieva un po' di terra, poi gettata all'intorno, quindi leggeva l'atto di possesso che i magistrati e tutti i presenti ascoltavano in piedi ed a capo scoperto.

 

StampaEmail

Aforismi

Possiamo comprenderci l'un l'altro, ma ognuno può interpretare soltanto sé stesso. (Hermann Hesse)

  • D.W.Winnicott

    D.W.Winnicott

    Un individuo CREATIVO è un individuo sano e libero, che non REAGISCE, ma AGISCE.

    Vivendo in modo creativo ci si rende conto del fatto che ogni cosa che facciamo aumenta il senso di essere vivi, di essere noi stessi, insostituibili e unici.

    La creatività è l'AZIONE che deriva dall'ESSERE, segno che colui che è, è vivo.Tuttavia, affinché l'individuo ESISTA, e la sua azione sia creativa, deve dominare in lui il fare IMPULSIVO su quello REATTIVO.

    Read more

  • Albert Einstein

    Albert Einstein

    Chiunque consideri la propria e l'altrui vita come priva di significato è non soltanto infelice ma appena degno di vivere.Non tutto ciò che può essere contato conta e non tutto ciò che conta può essere contato.

    Ci sono due modi di vivere la vita. Uno è pensare che niente è un miracolo. L'altro è pensare che ogni cosa è un miracolo.

    Un tavolo, una sedia, un cesto di frutta e un violino; di cos'altro necessita un uomo per essere felice?

    Cento volte al giorno ricordo a me stesso che la mia vita interiore e esteriore sono basate sulle fatiche di altri uomini, vivi e morti, e che io devo sforzarmi al massimo per dare nella stessa misura in cui ho ricevuto.

    Read more

  • Martin Luther King

    Martin Luther King

    Se un uomo non ha ancora scoperto qualcosa per cui morire non ha ancora iniziato a vivere.

    La vera misura di un uomo non si vede nei suoi momenti di comodità e convenienza bensì tutte quelle volte in cui affronta le controversie e le sfide.

    Alla fine, non ricorderemo le parole dei nostri nemici, ma i silenzi dei nostri amici.

    Nulla al mondo è più pericoloso che un'ignoranza sincera ed una stupidità coscienziosa.

    Abbiamo imparato a volare come gli uccelli, a nuotare come i pesci, ma non abbiamo imparato l'arte di vivere come fratelli.

    Read more

  • Mahatma Gandhi

    Mahatma Gandhi

     Prendi un sorriso, regalalo a chi non l'ha mai avuto. Prendi un raggio di sole, fallo volare là dove regna la notte. Scopri una sorgente, fa bagnare chi vive nel fango. Prendi una lacrima, posala sul volto di chi non ha pianto. Prendi il coraggio, mettilo nell'animo di chi non sa lottare. Scopri la vita, raccontala a chi non sa capirla. Prendi la speranza, e vivi nella sua luce. Prendi la bontà, e donala a chi non sa donare. Scopri l'amore, e fallo conoscere al mondo.

    Meglio avere un cuore senza parole

    Dio creò l’uomo perché si procurasse il cibo con il lavoro e disse che chi mangiava senza lavorare era una ladro. 

    Read more

  • Nelson Mandela

    Nelson Mandela

    Niente come tornare in un luogo rimasto immutato ci fa scoprire quanto siamo cambiati.

    Per gli uomini, la libertà nella propria terra è l'apice delle proprie aspirazioni.

    Più potente della paura per l'inumana vita della prigione è la rabbia per le terribili condizioni nelle quali il mio popolo è soggetto fuori dalle prigioni.

    Non c'è niente di più incoraggiante per un detenuto politico del sapere che la sua vita non è andata sprecata

    Unitevi! Mobilitatevi! Lottate! Tra l'incudine delle azioni di massa ed il martello della lotta armata dobbiamo annientare l'apartheid!

    Read more

Link

Creativ-o.it ...con il trattino!!

The book

Aforismi

Intro

Beauty Human Creative

Logo BHC 3 Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornati e in contatto.